Modalità di Donazione
Bonifico Bancario - IBAN : IT02T0313801000000011860806
Crowd Founding Project n. 61024001001
#mbururek | #ngor | #panificio | #africa | #aiuto | #alimentazione
 
 
 
 
 
M'buru Rek, solo pane. Chi crea pane, crea vita
 
Ufficialmente iscritta al registro delle entrate, da oggi esiste come associazione M'buru Rek, nata dal progetto mio e di Kama per aiutare in loco il villaggio di mio marito: stiamo cercando materiale per allestire un panificio a N'gor. L'associazione, attraverso il pane (come cibo e come lavoro) si preoccuperà di creare autosussistenza per i suoi progetti istituzionali. Abbiamo pensato alla panificazione, perchè, essendo oltrechè un elememto di nutrizione  corporale, ha significato culturale e spirituale; inoltre, in Senegal, si panifica H 24. Nel villaggio di N'gor  c'è solo una panetteria, che non riesce però a sopperire al bisogno quotidiano di una popolazione in crescita, costringendo i negozianti a rivolgersi altrove per il rifornimento. Quindi, è potenzialmente remunerativa (avremo posti di lavoro, stipendiati e possibilità di accantonare una percentuale del ricavato per intraprendere gli altri progetti). Inizialmente però avremo bisogno del vostro aiuto, cari amici, e del vostro supporto !!! Avremmo bisogno di un forno rotante a gas /gasolio una baguettatrice e un'impastatrice (80-100Kg) e carrelli, non importa la marca, non importa l'età, ma che siano ben tenuti e funzionanti. L'associazione M'buru Rek (solo pane in wolof) vorremmo diversificarla occupandoci di : 
 
- agricoltura biologica (proponendo orti famigliari), 
- pesca (cercando il modo di rendere la pesca più produttiva sia per il pescatore che per il mare) : anche per questo punto è già partito un piccolo progetto di ristrutturazione carcasse di barche abbandonate. Con l'aiuto di Matteo, un cooperante italiano conosciuto dalla mia famiglia senegalese, stiamo provvedendo a rimettere in mare, scopo pesca, i rottami di due moto d'acqua. Se la cosa si rivela interessante, le basi per un piccolo cantiere nautico che sfrutti le capacità di alcuni ragazzi, ha già le basi (le barche recuperate potranno essere vendute ad un prezzo solidale).
- allevamento (un piccolo pollaio per l'allevamento di polli da carne, lo abbiamo già creato e contribuisce di già al sostentamento della famiglia  di mio marito)
- corsi di formazione nell´ambito della comunicazione (lettura critica della programmazione televisiva e smitizzazione dell'Europa come paese dell'oro)
- scambio culturale (ci piacerebbe promuovere periodi di formazione in Italia  da proporre a qualche ragazzo/a dotato)
- scambio formativo nel campo delle energie alternative rinnovabili (solare, idrica, eolica, ecc)
- corsi di formazione in agricoltura e allevamento
- attività ludiche ed educative con i bambini (vorremmo iniziare un dopo scuola, che affianchi la scuola del vilaggio, che purtroppo dà un'istruzione molto deficitaria e lacunosa). Per ora, abbiamo iniziato un paio di adozioni scolastiche per permettere la frequenza sia del pre-scolare, che della scuola elementare di due bambini, grazie anche alla raccolta di fondi dei ragazzi della I e II media dell'oratorio di Regoledo. Invece un benefattore ha adottato una studentessa universitaria, permettendole di frequentare quest'anno di corso. Inoltre abbiamo raccolto, con la collaborazione delle scuole di Morbegno, Grosio e Sondalo, materiale come quaderni, pennarelli colori, gomme forbici, zainetti, giochi ecc. che sono serviti per allestire una nuova classe nella scuola materna ORT di N'gor.
- progetti di microcredito per le donne
- attrezzare un piccolo dispensario gratuito (in Senegal il livello di competenza sanitaria è elevato per i ricchi, così come la scuola, per chi vive alla giornata è irraggiungibile)
- progettare la pulizia del villaggio, raccogliendo, differenziando e riciclando i rifiuti (trovando anche il modo di ricavarne guadagno)
 
Il nostro intento sarebbe quello di sviluppare attività che possano creare posti di lavoro e reddito, sostenere per quanto possibile l'istruzione dei bambini del villaggio e la cura della salute, sfruttando risorse e capacità locali e aiutando nella progettazione di un futuro personale in Africa.
Il Progetto Talibè sarà un pochino più complesso e secondario alla creazione del panificio, anche perchè la piaga dei bambini invisibili è un discorso molto delicato e richiede una continuità e una preparazione  serie. Per ora, se avessimo la possibilità di partire con la Boulangerie, garantiremo almeno un pasto ad ogni bambino di strada che si presenterà per l'elemosina. Grazie !!!
 

 

Questo sito si avvale di cookie necessari al miglioramento della qualità di navigazione. Premendo Ok o proseguendo senza modificare le impostazioni del proprio browser, si accetta l'utilizzo dei cookie. Per maggiori dettagli, è possibile consultare il modello informativo sulla Politica dei Cookie

Accetto i cookie da questo sito.

Modulo informativo sulla Politica dei Cookie